Discover the best clubs, festivals and events in your city with Xceed. Go Out with us.
Xceed-Barcelona-Best Restaurants To Eat

I 25 migliori ristoranti di Barcellona e perché visitarli tutti

Sapori etiopi, combinazioni vietnamite, texture giapponesi, pasta italiana e, ovviamente, tutta la cucina tradizionale catalana. Palati del mondo, benvenuti a casa.

Quando, qualche mese fa, vi abbiamo parlato dei 25 migliori bar di Barcellona per andare a bere o a scoprire i cocktail, abbiamo parlato di altri motivi che rendono famosa Barcellona, come le sue spiagge, il suo clima, i suoi atleti o la sua architettura. E, infine, la sua gastronomia. Poi l’abbiamo trascurata. Non commetteremo lo stesso errore due volte.

Siamo ossessionati dall’uscire. Usciamo sempre. We Go Out. Che sia una festa, un drink, un pranzo o una cena. Xceed vuole che tu esca, che tu sia fedele alla tua passione per la scoperta del mondo, di incontrare persone e vivere esperienze indimenticabili. Ecco perché Xceed consente di prenotare un tavolo in una lunga lista di ristoranti a Barcellona.

Come una buona città cosmopolita aperta al mondo, Barcellona è impregnata di influenze che provengono da tutti gli angoli del pianeta: trame giapponesi, tecniche etiopiche, sapori vietnamiti, masse italiane e, naturalmente, la cucina tradizionale catalana, fedele alle sue origini ma rinnovata e adattata al XXI secolo. Barcellona non è una città grande, ma ha un angolo pensato apposta per te. E ti aspetta. Altre idee? Qui ce ne sono 25, tutte molto ben pensate. Per il nostro team, questi sono 25 dei migliori ristoranti di Barcellona. C’è anche il tuo preferito fra questi?

Abissinia

Xceed-Barcelona-Restaurant-Abissinia

“Nutri la tua salute dalla cucina, non dalla farmacia” disse una volta Rahel Berhe. E c’è Abissinia, il miglior ristorante etiope di Barcellona. Quando entri dalla porta, è quasi inevitabile dimenticare che ti trovi nella parte alta del quartiere Gracia di Barcellona. I sapori, gli odori e i tocchi dell’Etiopia travolgeranno i tuoi sensi fin dal primo momento. “Crediamo che quando il tuo cibo si prende cura del pianeta, si prende cura anche di te”, dice una cameriera. Sì, questo posto ci piace decisamente.

Non sei un esperto di cucina etiope e non hai idea di cosa ordinare? Non preoccuparti, nemmeno noi. Ci è stato consigliato dal personale e possiamo dire che non c’è stato nulla che ci abbia deluso. In Abissinia si cucina con prodotti freschi di stagione e locali, senza prodotti chimici, microonde o congelatori, ma con tanto amore e sempre a fuoco lento. Il cibo viene servito su un vassoio da condividere, secondo la tradizione etiope, senza piatti, posate o tovaglie da usare, lavare e buttare, e “con cibo che non solo ha un buon sapore, ma si sente bene”. Hanno fino a 30 diverse spezie naturali e il cibo si gusta direttamente con le mani, sentendo “la spugnosità di un’Ingera, la tenerezza del pollo in salsa di berbere e la morbidezza della zucca in umido”.

Suggerimenti finali? Eccovene tre: meserkek (deliziose lenticchie rosse con strisce di cipolla, aglio tritato e berbere, che è una miscela di spezie etiopi), dorowot (pollo cucinato secondo la tradizione etiope con cipolla confit, formaggio fatto in casa, uovo sodo e pomodoro fresco alla Abissinia) e duba (zucca stufata a fuoco lento con curcuma etiope per almeno 6 ore su letto di porri confit). Benvenuti in una delle più importanti e famose gastronomie del continente africano.

Indirizzo: C/ Torrent de les Flors, 55 – 08024, Barcelona

Alkimia

Xceed-Barcelona-Restaurant-Alkimia

Alkimia e Jordi Vilà sono due idee che camminano mano nella mano. Jordi è responsabile di rendere Alkimia un nome familiare a qualsiasi residente di Barcellona. Puro merito. “Una cucina che guarda al futuro, ma sa da dove viene”. Il trattamento che riceverete ad Alkimia è eccellente, così come le sue eleganti strutture, i suoi saloni e, naturalmente, la sua cucina, “perché la buona cucina deve essere fatta con le mani e con una buona mano”. Alkimia è un piccolo ristorante … apposta. A Jordi piace così. “È il modo migliore per darti completamente al cliente e dare loro tutto”.

Così, in queste magiche coordinate della Ronda Sant Antoni, si nascondono il mitico Menu Petit Atelier (ideale per quando è richiesta una certa agilità) e Menu Gran Atelier (su misura per l’occasione con proposte personalizzate e à la minute secondo il preferenze del commensale). Parliamo tra i 73 ei 170 euro a menù. Sicuramente non economico. Vale la pena pagare quei soldi? Dipende dalle tue tasche e da quanto ti piace mangiare. Se il tuo palato è un esperto e il tuo portafoglio è comodo, dovresti visitare Alkimia almeno una volta nella vita. Esqueixada di crostacei con erbe fresche e lime romesco, ostriche strapazzate con succo di prugna fermentato, cetriolo di mare e di montagna e orecchio di maiale con galanga e ruggine del plancton, xisqueta di cosciotto di agnello, crema di tartufo nero e formaggio … Ci sciogliamo solo a pensarci.

E, se preferisci “solo un’altra cucina di tutti i giorni”, l’aspetto più vicino e personale di Jordi Vilà è in Al Kostat, situato in un angolo specifico della sala da pranzo principale di Alkimia. Ottimi prodotti che “trasformano l’atto del mangiare in una quotidianità”. Tuttavia, non mangerete quasi mai piatti e tapas migliori. Preparati!

Indirizzo: Ronda de Sant Antoni, 41 – 08011, Barcelona

Bun Bo Vietnam

Xceed-Barcelona-Restaurant-Bun Bo Vietnam

“Bun Bo, cibo ispirato al vietnamita”. Il Vietnam è uno dei paesi più alla moda nel sud-est asiatico tra i viaggiatori. Ci sono molte ragioni per questo. Tra questi, la gastronomia. Il cibo vietnamita è “nutriente, gustoso e vero”. E, in Bun Bo, è anche fresco e fatto in casa, giorno dopo giorno. Quindi, vedi, non devi attraversare mezzo mondo per conoscere uno dei rami più importanti della cultura vietnamita. Come si suol dire, “la vita è un sogno, chiedi un pho e viaggia”.

Tra repliche di monaci buddisti, tetti rosso-arancio e muri celesti, una cosa ci è chiara: non ti sentirai come se fossi a Barcellona. Ma la verità è che Bun Bo si trova proprio nel mezzo del Raval, scivolando via nel tumulto di uno dei quartieri più eccentrici di Barcellona. Buone ciotole asiatiche come antipasto, curry come piatto principale (verdure, pollo o il classico curry vietnamita con verdure, zenzero, citronella, carota, cipolla, latte di cocco e spezie al curry, servito con riso bianco) o un Bánh mì (un tradizionale country sandwich) per provare nuove texture. Fai un Phorrito? È un involucro di tortilla di farina che ha carne di manzo, spaghetti di riso, erba cipollina, cipolle, germogli di soia, menta, coriandolo, salsa hoisin e lime accompagnato da un assaggio di brodo di pho. Semplicemente stupefacente.

Indirizzo: C/ Àngels, 6 – 08001, Barcelona

Casa Paloma

Xceed-Barcelona-Restaurant-Casa Paloma

Benvenuti a Casa Paloma, un ristorante “per carnivori di razza”. Lo slogan è forte; una dichiarazione di intenti totale. Situata all’incrocio tra Carrer Casanova e Avinguda Diagonal, molto vicino alla famosa Plaça Francesc Macià, Casa Paloma è famosa nella zona alta di Barcellona per il suo buon trattamento della carne. Offre tutti i tipi di prodotti: carne di Angus (originaria dell’Irlanda e impiantata dal 1920 nei pascoli argentini), carne di Frisia (una razza originaria dell’Europa centrale), bionda galiziana (una razza originaria della Galizia), manzo (animali longevi, maschi, giovani animali castrati) e carne Wagyu (una razza millenaria e cult il cui significato è “bestiame giapponese”).

Ma l’abilità in cucina di Casa Paloma va ben oltre la materia prima: i tagli (controfiletto, lombo alto, lombo basso, trito, costoletta e midollo sono le varianti) e le tartare (tagliare il filetto al coltello, condire con sale e pepe, condire con la giusta quantità di accompagnamento e lasciare che il cliente lo provi secondo i suoi gusti di spezie o condimenti) sono ciò che rende questo ristorante nell’Eixample un luogo di culto per -come loro stessi hanno avvertito- la “razza carnivora” di Barcellona.

Indirizzo: C/ Casanova, 209 – 08021, Barcelona

Ekubo

Xceed-Barcelona-Restaurant-Ekubo

“Il futuro dei nostri mari inizia con la responsabilità di pescatori, fornitori e consumatori.” Questa è la chiamata di Ekubo. Questo è il suo messaggio al mondo. Questa è la sua filosofia. Quando entri nel ristorante, puoi guardare la mostra di pesce e frutti di mare e decidi quali prodotti sostenibili e locali vuoi includere nella tua cucina tradizionale giapponese e nei tuoi piatti di sushi. Un numero infinito di sapori esotici ti porterà nel cuore del Giappone, nonostante il fatto che le materie prime provengano dalla costa catalana.

A materiale di Barcellona, trattato con maestria e saggezza giapponese. Cosa si può chiedere di più? Ad esempio, che Ekubo rimanga fermo nel suo impegno per l’ambiente “per contribuire a un pianeta migliore”. Tutti i suoi prodotti sono ottenuti attraverso metodi di pesca che rispettano la salute dell’oceano. Benvenuto nel paradiso dei fan del Sol Levante.

Indirizzo: C/ Comte d’Urgell, 108 – 08011, Barcelona

El 58

Xceed-Barcelona-Restaurant-El 58

El 58. Al numero 58 della bellissima Rambla del Poblenou. Facile da ricordare. Una volta ne hanno detto che è una “cotta gastronomica”. Bellissimo. El 58 è un tributo alla creatività sotto forma di tapas. Le ceramiche tradizionali dei bar di Barcellona sono presenti anche in El 58. È un classico ristorante di quartiere, anche se con strane figure di creature che, stanza dopo stanza, accompagnano le silhouette femminili.

Probabilmente pensi ancora a quella creatività sotto forma di tapas. Ok, mettiamoci al lavoro. Prima di tutto non chiedete il menu: il 58 funziona con le lavagnette. Ti porteranno un tavolo con la lista di aaaa tutte le tapas offerte dallo chef Amos Martínez. E sì, diciamo “aaaaall” perché ce ne sono così tanti. La maggior parte di loro, vedrai per la prima volta nella tua vita. Non dubitarne. Ricordiamo ancora il gusto delle melanzane andaluse con miele e rosmarino, l’insalata infinita di tonno marinato, il fegato d’anatra fresco alla griglia accompagnato da frutta di stagione e funghi, e le tenere capesante su purea di sedano e vaniglia. Uno scandalo. Generalmente, a El 58, puoi arrivare al dessert senza avere fame. Quindi, ti avvertiamo ora: risparmia un angolo dello stomaco per la mousse di piña colada. Dovremmo farti pagare per aver parlato di questo…

Un ultimo consiglio. Non è possibile prenotare un tavolo (e il locale è molto conosciuto), quindi ti consigliamo di arrivare presto, sia a pranzo che a cena, se non vuoi fare la fila. La cucina funziona ininterrottamente dalle 13:30 alle 23:00!

Indirizzo: Rambla del Poblenou, 58 – 08005, Barcelona

El Pachuco

Xceed-Barcelona-Restaurant-El Pachuco

Dale guey, questo è il miglior ristorante messicano di Barcellona, la migliore taqueria di Barcellona. Mentre lo leggi. El Pachuco è un piccolo ristorante, poco appariscente. La storia è iniziata 6 anni fa, quando due messicani hanno intuito che la loro idea poteva funzionare nel trambusto avvincente del Raval di Barcellona. Non ci pensarono molto e andarono avanti. Oggi, El Pachuco è un riferimento.

L’offerta gastronomica si basa su quattro tipi di stufati: carnitas, chilorio, tinga e frijoles (fagioli). Tuttavia, cucinano ognuno in modo diverso e nessuno ne ha mai perso nessun altro. I tacos di El Pachuco sono leggeri da digerire, cosa non molto comune quando si parla di tacos e palati europei, poco abituati alle richieste dei sapori aztechi. Oltre ai tacos, ti consigliamo di provare le quesadillas, un altro piatto tipico messicano che, a El Pachuco, viene preparato in maniera magistrale. Dai, sappiamo che ami quelle infinite ciocche di formaggio. 😉

E, naturalmente, i nachos. Come farai a visitare un riposo messicano senza chiedere i nachos? Il problema è che i nachos di El Pachuco superano qualsiasi cosa vista prima (a meno che tu non sia messicano e sappia di cosa stiamo parlando). Quei nachos confezionati che compri al supermercato? Scusa amico, quelli non sono nachos. Vieni a El Pachuco e guarda di persona. L’abbiamo fatto e … vedi cosa ne pensiamo.

Ma El Pachuco è molto più di un semplice cibo: decorazioni raffinate, la musica più recente (niente musica ranchera o mariachi) e una maestria dei cocktail -con prodotti importati- che ti faranno innamorare ancora di più di tequila, mezcal … e michelada. Beata michelada. È la bevanda migliore del mondo?

Ah! Occhio! Da El Pachuco non accettano carte di credito!

Indirizzo: C/ Sant Pau, 110 – 08001, Barcelona

Feroz

Xceed-Barcelona-Restaurant-Feroz

Esclusività ed eleganza. Se ci chiedessero due parole per definire Feroz, queste sarebbero le nostre scelte. Anche se vanno un po ‘oltre e incoraggiano a “perdersi in una giungla di gusto incredibile”. Siamo all’angolo tra Carrer Tuset e Travessera de Gràcia. Cioè, siamo in una delle zone di festa più prestigiose e con il più grande potere d’acquisto a Barcellona (sulla stessa Carrer Tuset troverai due dei club più famosi del mainstream di Barcellona: Bling Bling e Sutton). Feroz lo sa bene. Ecco perché, il giovedì, il venerdì e il sabato, apre la sua area club con DJ residenti e due atmosfere (musica commerciale e deep house) fino alle 3 del mattino.

Ma… se stai leggendo, è perché probabilmente ti aspetti che parliamo di cibo. Feroz ha la sua cucina aperta tutti i giorni della settimana, dalle 13:00 a mezzanotte, ininterrottamente. I suoi piatti sono audaci. A volte semplici, a volte complessi, ma mai indifferenti. La sua cucina di mercato è la sua caratteristica principale. Croccanti baccelli di edamame e salsa Kimchy, un’insalata russa con tonno bianco e verdure brunoise o 50 grammi di caviale imperiale iraniano di Beluga 000 sarebbero ottime scelte… per gli spuntini. È qui che inizia la festa. Frittata di patate croccanti con cipolle caramellate o uova rotte con patate croccanti e aragosta come antipasti potrebbero ancora rendere questa serata fantastica. Continuiamo con un riso al manzo con verdure baby? O preferisci il filetto di manzo con foie poêle, parmentier e salsa al porto? Dolci, vini e cocktail sono un mondo a parte. Hai mai mescolato la crema catalana con il gelato al cocco?

Benvenuti a Feroz. “Silenzio di giorno, ruggito di notte”.

Indirizzo: C/ Tuset, 27 – 08006, Barcelona

Fismuler

Xceed-Barcelona-Restaurant-Fismuler

Uno di quei ristoranti che, prima di entrare con il palato, entrano già bene con gli occhi. Sì, Fismuler sembra fantastico. E sembra incredibilmente buono. È un ristorante elegante e raffinato con un’ottima presenza. Ha più di 300 metri quadrati, distribuiti in modo diafano. La sensazione di spaziosità è fantastica. Come potrebbe non avere successo trovandosi a due passi dal famoso Arc de Triomf? Fismuler ha iniziato a Madrid e, dopo aver visto crescere la sua fama di mese in mese, nel 2018 ha fatto il grande passo e ha aperto questo ristorante nel quartiere Born di Barcellona.

Uno spazio moderno e curato, che propone anche musica dal vivo durante le cene dal mercoledì alla domenica. Potremmo chiedere di più? Sì, nella cucina di Fismuler abbiamo Patxi, Nino e Jaime (tre ex chef di uno dei migliori ristoranti in Spagna, El Bulli), che condividono il loro profondo rispetto per i prodotti di alta qualità e la loro fedeltà alla cucina di mercato. Accompagnano l’orata semistagionata con mandorle e uva. Da non perdere. Da non perdere anche la frittata di merluzzo, il riso morbido con vongole, carciofi e prezzemolo e la scaloppina di Vienna con uovo e tartufo. Inoltre, Fismuler ha piatti per celiaci … e accetta animali domestici!

Indirizzo: C/ Rec Comtal, 17 – 08003, Barcelona

Flax & Kale

Xceed-Barcelona-Restaurant-Flax & Kale

“Offrono sapori incredibili e si prendono cura del pianeta”. “Cucinare con prodotti per una vita sana”. “Il cibo sano non ha più niente a che fare con la tristezza gastronomica”. “Perché possiamo anche prenderci cura di noi stessi anche se mangiamo fuori.” Queste sono frasi scritte negli ultimi mesi dai media spagnoli generalisti e specializzati in ristorazione. Tutti riferendosi a Flax & Kale. Come biglietto da visita, non è affatto male.

Era il 2014 quando il team di Flax & Kale rilevò un vecchio edificio a due piani e lo trasformò in questo spazio dell’estetica newyorkese che sarebbe rimasta una rivoluzione a Barcellona. Soffitti alti, finestre praticamente in tutte le sue pareti, cucine sempre in vista dei commensali, salotti privati e vegetazione come principale elemento decorativo dello spazio caratterizzano questo bellissimo posto. Flax & Kale utilizza energia rinnovabile in tutto e applica persino un ciclo completo dell’acqua grazie alla tecnologia dell’osmosi.

Si definiscono un “Healthy Flexitarian Flagship Restaurant” e affermano che “con Flax & Kale, il mondo del cibo gustoso, sano e sostenibile non ha limiti”. Flax & Kale è un omaggio alle sane abitudini. Il suo menu è in continuo aggiornamento. In effetti, questa è una delle caratteristiche che rendono famoso Flax & Kale. Anche se c’è molto di più. Ad esempio il suo Edible Garden, un orto urbano a forma di terrazza al primo piano, attrezzato con alberi ed erbe aromatiche, alcune delle quali utilizzate nei piatti!

A proposito di piatti: alcune delle sue nuove proposte sono il Crunchy Hiramasa Taco, la Spirulina, Salicornia e Salmon Wings Rice Broth, oppure il Keto Smoothie Bowl. Anche se, se sei più un tipo da brunch, dovresti trascorrere un fine settimana o un giorno festivo provando il Weekend Brunch. Il Classic Avo Toast, il Mango Passion Youghourt e le Eggs Benedict ti aspetteranno. “Mangia meglio, sii più felice, vivi più a lungo. 💚”

Indirizzo: C/ Tallers, 74b – 08001, Barcelona

Foc i Oli

Xceed-Barcelona-Restaurant-Foc i Oli

Se sei un abituale nell’area superiore di Diagonal, potresti avere familiarità con Foc i Oli. Ha due stabilimenti: uno in Carrer París e un altro in Carrer Aribau. Entrambi difendono lo stesso concetto: hamburger e panini fatti sul momento, con carne di prima qualità, prodotti locali freschi e pane fatto in casa. Non nascondono la loro ricetta. Sanno di essere i migliori nel fondere cucina mediterranea, classica … e uruguaiana. Il loro piatto forte è il chivito, “il miglior panino del mondo” secondo lo chef Anthony Bourdain.

È un panino preparato con “crostini di pane con burro, una feta di prosciutto e una succosa churrasquito”. È almeno così che a Punta del Este è nato il primo chivito, quando un turista lo ha chiesto e Antonio Carbonaro ha voluto uscire dal casino senza rendersi conto di non averlo. Quindi il chivito, di cui Carbonaro è arrivato in vendita più di mille al giorno in Uruguay, non è fatto con carne di capra, ma con manzo. Roba da gastronomia. Ci dichiariamo fan incondizionati del chivito, soprattutto se preparato in Foc i Oli.

Indirizzo: C/ París, 177 – 08036, Barcelona

Hawker 45

Xceed-Barcelona-Restaurant-Hawker 45

Brasile, India, Giappone, Laos, Malesia, Perù, Filippine, Singapore, Thailandia, Vietnam, Corea, Messico e Hong Kong. “Hawker è un viaggio culinario. Benvenuto.” È così che Hawker 45 si presenta a Barcellona. Il suo menu degustazione è un’esperienza completa, “un viaggio nei ricordi e nei sapori della vita dello Chef Laila”, maestro nomade della cucina asiatica e non solo. Lui stesso consiglia il Kinilaw (un piatto tipico filippino a base di tonno, lime, kalamansi, polpa di cocco, crema di avocado e pomodorini) e la Bomba de Pho (una crocchetta ripiena di guance di manzo cotte a bassa temperatura con emulsione di lime, sriracha e accompagnata da una deliziosa riduzione di brodo Pho).

Da Hawker 45 hanno il giusto e necessario rispetto per i piatti tradizionali. La famiglia Laila non ha problemi a prendere il salmone giapponese Okonomiyaki e ad adattarlo completamente, o inventare geni come Laksa (un piatto composto da “riso dolce con gamberi, riduzione di fumetto, spezie, calamari, crema di cocco e laksa ispirato al famoso noodle al curry di Singapore la minestra”). Con un Dirty Ice Cream (il dessert più famoso della cucina di strada filippina) e vini e cocktail selezionati in modo impeccabile, la tua serata è completata e rifinita a un livello che non avresti mai immaginato. Sei il benvenuto, avventuroso palato.

Indirizzo: C/ Casp, 45 – 08010, Barcelona

La Dama

Xceed-Barcelona-Restaurant-La Dama

Hai voglia di un viaggio nel passato nel cuore di Barcellona? Mimetizzato dal trambusto dell’Avenida Diagonal, nascosto in un edificio in stile Art Noveau, c’è La Dama, un ristorante signorile ed elegante come il suo nome, un angolo che mantiene la stessa classe e personalità che lo hanno reso famoso diversi decenni fa. Né il suo aspetto né il modo in cui tratta i clienti è cambiato, ma ha adattato il suo menu ai tempi moderni.

Grazie a questo, La Dama offre attualmente antipasti come la zuppa di cipolle con cracker al parmigiano, la tartare di barbabietola e avocado o il pane tostato di anguilla affumicata e foie gras, oltre a piatti principali per sciogliere la bocca: prosciutto iberico e risotto ai funghi, fagioli bianchi di “Ganxet”, calamari e cannolicchi o la bistecca alla tartara La Dama, famosissima nella zona alta di Barcellona. Vuole qualcos’altro, signor / signora?

Indirizzo: Av. Diagonal, 423 – 08008, Barcelona

La Real Hamburguesería

Xceed-Barcelona-Restaurant-La Real Hamburgueseria

“Molto vicino alla cultura americana”, “il ristorante di hamburger più onesto di Barcellona”, “hamburger per tutti i gusti” … La stampa specializzata ha parlato molto di La Real Hamburguesería negli ultimi anni. Ci sono molte ragioni per questo. Al numero 218 di Carrer Dr. Trueta, nel cuore del distretto di Poblenou, troverete questa “lista di tentazioni” che si autodefinisce, la cui pietra angolare sono le “alleanze strategiche con i principali fornitori locali”. Quando siamo entrati a La Real, abbiamo già visto che non eravamo in un ristorante di hamburger. Eravamo al ristorante hamburger. Quindi, a La Real, in quello vero. “Vogliamo salvare il piacere di mangiare con le mani”, dice Arturo. A La Real, tutti i tipi di capricci sono i benvenuti.

Ma torniamo alle alleanze strategiche. È dall’altra parte di Barcellona, sul lato sinistro dell’Eixample, dove ogni mattina viene tagliata la carne che finisce a La Real. Nel Mercat del Ninot, un macellaio di “terza generazione” si occupa di questo, mentre un mastro fornaio prepara i dolci. Tutto, come puoi vedere, è lontano dai macrocircuiti industriali. Oh! Ci siamo quasi dimenticati. Non ci sono due senza tre. E non ci sono hamburger e pane senza birra. Anche le birre di La Real sono distillate a mano, questa volta da Edge Brewing.

Con cosa andiamo oggi? La Real (con 180 grammi di picanha, doppio cheddar, bacon croccante e crema di formaggio gratinata in ogni pane), La de Parmesano (con altri 180 grammi di picanha, crema di parmigiano gratinato in ogni pane, miscela di funghi, formaggio cheddar stagionato e bacon), La Cheeseburger Clásica (con 180 grammi di picanha, doppio formaggio cheddar, lattuga, pomodoro, cipolla rossa, sottaceti e crema di formaggio della casa) o La Vegetariana (con tortino di ceci, quinoa e funghi saltati in padella con formaggio di capra, pomodoro , lattuga di agnello, barbabietola, cipolla, vinaigrette e maionese vegana al tofu) sono ottime opzioni. Anche se, a La Real, puoi sempre scegliere il tuo pane e i suo accompagnamenti. E, se qualcosa va storto, lo chef Eduardo Egui sarà lieto di ascoltare i tuoi suggerimenti e critiche per cercare di soddisfare le tue aspettative alla tua prossima visita.

La Real è sempre in movimento, muta e si adatta alle nuove esigenze, ai nuovi tempi e ai nuovi clienti. Per questo motivo, nonostante sia stata fondata nel giugno 2017, è già un riferimento innegabile nell’uscita di Barcellona.

Indirizzo: C/ Dr. Trueta, 218 – 08005, Barcelona

Los Caracoles

Xceed-Barcelona-Restaurant-Los Caracoles

Benvenuti a Casa Bofarull, fondata nel 1835. Los Caracoles è un ristorante “carismatico e storico”, con “cucina tradizionale di alta qualità”. Era quell’anno, il 35° del 19° secolo, quando la famiglia Bofarull decise di fondare quello che oggi è uno degli angoli più carismatici e affascinanti di Barcellona. All’inizio prese il nome dalla famiglia, ma il loro piatto più famoso, le lumache, finì per dargli il nome che conosciamo oggi. Quasi 200 anni e quattro generazioni dopo, la famiglia Bofarull gestisce ancora il ristorante, fedele al concetto di cucina popolare che li ha sempre caratterizzati.

Non stiamo parlando di un ristorante noto e famoso solo tra i barcellonesi. Lontano da esso. Si tratta di un ristorante di fama internazionale. Personaggi famosi di tutti i settori (cinema, finanza, moda, politica, spettacolo) vengono sempre a mangiare a Los Caracoles quando visitano Barcellona. Lenny Kravitz, Jimmy Carter, Robert de Niro, Giorgio Armani, Joan Miró o Salvador Dalí sono solo alcuni esempi. Queste eccellenze trovano a Los Caracoles, non solo un menu pieno di buon gusto, ma un luogo che emana la storia di Barcellona in ogni angolo da scoprire. Non a caso ha ricevuto la Medaglia al Merito per il Turismo.

Ricapitolando: siamo nel cuore di Las Ramblas, in un ristorante con più di 180 anni di storia, gestito dagli eredi della famiglia che lo ha fondato nel 1835, e pronto a gustare un menu molto ampio basato sulla cucina tradizionale, con opzioni per gruppi e un programma ininterrotto dalle 13.15 a mezzanotte. Vi aspettano lumache speciali “Los Caracoles” (naturalmente), vongole con cuori di carciofo, paella di aragosta, bistecca con lische di 40 giorni cotta su pietra calda, e tutti i tipi di piatti tradizionali a base di riso, pesce e frutti di mare, carne e zuppe, verdure e pasta. Un must da vedere e sempre, sempre, sempre, sempre una scelta saggia.

Indirizzo: C/ Escudellers, 14 – 08002, Barcelona

Mantura Tapes i Vins

Xceed-Barcelona-Restaurant-Mantura Tapes i Vins

Leggendo “Mantura Tapes i Vins”, si potrebbe immaginare un classico ristorante di tapas locale. Niente potrebbe essere più lontano dalla realtà. Mantura offre tapas, sì, ma sulla base dei “sapori dei diversi luoghi dell’Estremo Oriente”. Avvicinare queste essenze ai palati di Barcellona è il compito con cui sono nate… e a cui rimangono fedeli. Usano prodotti di alta qualità e, nella loro cucina, il loro team unisce le forze per perfezionare sapori e aromi.

Passeggiare per il quartiere Gracia e trovare un ristorante accogliente che riunisce elementi esotici, design minimalista, tapas asiatiche e un abbinamento di oltre 30 vini, sia nazionali che internazionali, è ora una realtà plausibile grazie a Mantura. Andiamo con uno Xiao Long Bao, un riso Basmati, un po ‘di tofu e gyoza di verdure, un sashimi di polpo e un tataki di bue, per favore. Anche se… sì, ci sono salmone e tonno per i meno audaci.

Indirizzo: C/ Encarnació, 38 – 08024, Barcelona

Mirablau

Xceed-Barcelona-Restaurant-Mirablau

Ok, suonerà come la tipica pubblicità clichè, ma possiamo garantire che sei di fronte alla migliore vista panoramica di Barcellona. Mirablau è un classico. Non lo diciamo noi stessi, ma i 25 anni di esperienza e di storia che custodisce alle sue spalle. La sua offerta si adatta a molti gusti, anche se la sua bandiera è la dieta mediterranea con “prodotti di alta qualità adatti a tutti i pubblici”.

Dalle tapas (patatas bravas, insalata russa con ventresca di tonno in olio d’oliva, uova rotte con patate e prosciutto iberico, polpo alla griglia con parmentier di patate, paprika, olio d’oliva e tartufo o crocchette vegane, tra gli altri) a un pasto completo. Tutti i piatti sono fatti in casa e abbiamo già i nostri preferiti: rana pescatrice alla griglia con sugo di donostiarra, salsiccia chistorra al sidro, petto d’anatra con salsa ai frutti rossi e, naturalmente, gli anelli di calamari fritti con maionese allo yuzu.

Siamo sulle alture di Barcellona, ma il pesce è presente quanto l’atmosfera urbana, spensierata, accogliente e calda. Mirablau è l’ideale per una cena con gli amici o in coppia. Qualunque sia la tua storia, Mirablau ti aspetta a braccia aperte.

Indirizzo: Pl. Doctor Andreu, s/n – 08035, Barcelona

Murivecchi

Xceed-Barcelona-Restaurant-Murivecchi

Il detto popolare è che dovresti fare colazione come un re, pranzo come un principe e cena come un mendicante. In Carrer Princesa, nel cuore del famoso quartiere del Born, Murivecchi fa avverare a mezzogiorno questo detto. Non fraintendeteci: la sera si cena anche da veri principi e principesse. Murivecchi rende omaggio alla gastronomia del sud Italia. Pizza? Ovviamente. Il suo forno a legna ha una temperatura di 480ºC e può cuocere una pizza in soli 90 secondi. L’impasto, invece, viene lasciato fermentare per 72 ore. Non è una cosa facile da trovare.

Per i più esperti ed esigenti: la pasta prioritaria arriva dal Golfo di Napoli, precisamente da Gragnano. Da Murivecchi affermano che qui si trovano le “condizioni ideali per essiccare la pasta”. Ma Murivecchi è molto più che pasta e pizza: tagliata di entrecôte con funghi freschi di stagione, frittura di gamberi e calamari, dolci fatti in casa da impazzire e, ovviamente, una gamma di vini accuratamente selezionati da Sicilia, Toscana e Puglia, tra altri. Benvenuti!

Indirizzo: C/ Princesa, 59 – 08003, Barcelona

My Fucking Restaurant

Xceed-Barcelona-Restaurant-My Fucking Restaurant

Sapevi che la più grande comunità straniera a Barcellona è italiana? Quali due belle culture gastronomiche, giusto? E se li unissimo? Et voilà: My Fucking Restaurant è esattamente questo. È un concetto unico a Barcellona: radici italiane, che convergono tra nord e sud, e tradizione catalana. Tutto, con prodotti a chilometro 0, senza glutine e nel cuore di Barcellona.

Tutto è nato grazie allo chef Matteo Bertozzi, già a Barcellona, e alla sua imperiosa esigenza di proporre tapas e ‘platillos’ (piccoli piatti) di prima qualità, seguendo il modello slow-food. Riso nero secco con seppie, sedano carbonara e pancetta croccante e cozze con perle di latte di cocco con tapioca sono tre piatti da non perdere.

Ma aspetta! C’è anche di più: gli spazi. Muoversi per My Fucking Restaurant e scoprire le sue diverse aree è anche qualcosa che lo rende, letteralmente, unico e speciale. Appena entrati, troverai il Bar. Lì avrai a disposizione un bar ampio e confortevole per bere le prime canne mentre fai venire l’acquolina in bocca e goditi lo show-cooking della squadra. Se non ti stupisci, è perché ti stai nascondendo. Proseguendo arriverete al Salón, un luogo tranquillo, arredato con dettagli e con vista sul giardino urbano curato quotidianamente dallo staff di My Fucking Restaurant. E infine, la Zona Privata dello Chef, segreta e ben nascosta. Da lì, c’è un collegamento diretto alla cucina del ristorante, da dove sarete accolti a braccia aperte. In My Fucking Restaurant puoi respirare buone vibrazioni e nutrire il tuo corpo e la tua anima. Stiamo ancora cercando qualcuno che non se ne vada con un sorriso.

Indirizzo: C/ Nou de la Rambla, 35 – 08001, Barcelona

Pla de la Garsa

Xceed-Barcelona-Restaurant-Pla de la Garsa

Benvenuti all’Hostal de la Bona Sort, un edificio da cui partono le diligenze e l’ufficio postale dall’affascinante quartiere del Borne, non senza essere stati precedentemente benedetti. Bene, in realtà, questo accadeva nel XVII secolo. Nel 1927 divenne cantina per i lavoratori del quartiere e, nel 1976, i fratelli Solé Sugranyes inaugurarono il Pla de la Garsa che conosciamo oggi, da allora i formaggi hanno svolto un ruolo fondamentale nella sua offerta (nel lo chef Pep Palau li ha selezionati e importati personalmente da Perpignan).

Oggi Pol Torras, responsabile dell’attività, insiste per mantenere la qualità dei formaggi, dei paté e degli insaccati, per continuare a vantare i piatti storici del ristorante, come il timballo di salsiccia nera con rossinyols. Il tocco magico di Fernando Medina (che in precedenza ha lavorato per Cinc Sentits, Quatre Gats e Crosmas) in cucina rende Pla de la Garsa un’opzione eccellente per lasciarsi ipnotizzare dai sapori della cucina tradizionale catalana: croqueton al formaggio blu di Molí de la Llavina, triangoli di melanzane impanati con tenero formaggio Mahon, foie gras coca con cipolle camarelizzate … E per i più discreti, insalate e piatti freddi di prima qualità. Benvinguts!

Indirizzo: C/ Assaonadors, 13 – 08003, Barcelona

Sato i Tanaka

Xceed-Barcelona-Restaurant-Sato i Tanaka

Benvenuti nel paradiso dei nigiri… e del numero 15. A Sato i Tanaka, possono ospitare 15 persone. Il menu del pranzo non supera i euro. E la cosa più importante: ognuno dei loro famosi nigiri ha 15 grammi di pesce. I 12 grammi di riso completano la somma di 27 grammi, il peso esatto di ogni nigiri in questo ristorante nella zona nord-est dell’Eixample di Barcellona. Ryuta Sato e Aki Tanaka hanno il compito di farti sentire a casa, anche se, se sei fortunato, puoi persino incontrare Kenji Ueno, il capo del ristorante.

Se sei un fan del cibo giapponese, avrai visto (o, se sei fortunato, anche stato) quei classici bar tokyo dove un itamae serve i clienti. Questo è lo spirito di Sato i Tanaka: varchi una porta… e ti senti in Giappone. I cuochi lavorano sotto gli occhi del cliente, imprimendo ogni coltello che danno ai diversi pezzi di pesce. “Abbiamo spedito circa 290 pezzi di sushi”, hanno rivelato una volta al quotidiano spagnolo El Periódico. Questa è la loro specialità, ma se preferite potete scegliere anche piatti come il paté di fegato di rana pescatrice al vapore o le seppie grigliate. Le carte sono sul tavolo: giochiamo.

Indirizzo: C/ Bruc, 79 – 08009, Barcelona

Shunka

Xceed-Barcelona-Restaurant-Shunka

Shunka è tra i migliori ristoranti giapponese di Barcellona… e di tutta la Spagna. Non lo diciamo noi stessi, ma voci autorevoli della gastronomia e della cucina catalana come Ferran Adrià e Carme Ruscalleda. Vedere dal vivo come Hideki Matsuhisa ei suoi colleghi preparano sushi e sashimi è piacevole quasi quanto il semplice fatto di assaggiarlo poco dopo. Qualità del prodotto e arte in preparazione; questi sono i due pilastri fondamentali che fanno di Shunka un successo costante sia per se stessi che per i propri clienti.

La sua tradizionale atmosfera asiatica lo rende ideale sia per pranzi di piacere che per appuntamenti di lavoro. Polpo bollito e cetriolo con salsa kimuchi, nigiri di ricci di mare, tagliatelle saltate con verdure, gamberi e calamari, sashimi e sushi moriawase … Osate con il menu degustazione?

Indirizzo: C/ Sagristans, 5 – 08002, Barcelona

Slow & Low

Xceed-Barcelona-Restaurant-Slow & Low

A sud dell’Eixample sinistro, appena sopra il Mercat de Sant Antoni, c’è Slow & Low, un ristorante con “cucina d’autore, eclettica, itinerante e di prodotto”. È così che amano presentarsi. Ci sono molte ragioni per questo. Il team di cucina, composto da tre giovani conoscitori della città, lavora sotto gli occhi dei visitatori, in formato open kitchen. Si considerano eclettici perché adottano idee di culture e gastronomie diverse, “dalle ricette di strada alle tecniche di alta cucina”.

Il loro concetto culinario è mediterraneo, ma ciò non significa che gli ingredienti e le materie prime possano essere portati da qualsiasi angolo del mondo. Tuttavia, saranno sempre materie prime e di prima qualità. Ovviamente è una premessa indispensabile per Slow & Low. Sono orgogliosi di trovare sempre nei loro piatti il punto di cottura ideale, che vengono sempre presentati con decorazioni degne dell’occasione. Insalata di branzino “aguachile”, manzo, carote e cavolo rosso con pane pita … Aggiungi un cocktail d’autore e scopri il fascino del concetto completo di Slow & Low. Impossibile andare solo una volta.

Indirizzo: C/ Comte Borrell, 119 – 08015, Barcelona

The Benedict Barcelona

Xceed-Barcelona-Restaurant-The Benedict

Cibo, cocktail e atmosfera latina. Anche se, in realtà, la specialità del The Benedict Barcelona è la colazione inglese. Il brunch è il piano perfetto per questo angolo magico che incontrerai di punto in bianco mentre cammini nel cuore del quartiere gotico di Barcellona. Aperto dal lunedì alla domenica, The Benedict ti offre più di 30 piatti diversi, con abbondanti insalate, colazioni complete e anche opzioni vegetariane, il tutto con un servizio veloce, cordiale ed efficiente.

Se fa buio, puoi sempre ordinare delle tapas latine accompagnate da un cocktail pieno di esotismo e ritmi musicali non pensati per stare fermi. Anche se l’appuntamento obbligatorio è con le Uova alla Benedict, si può sempre optare per un piano B con delle costine alla griglia accompagnate da un mojito al frutto della passione. Juan Carlos e Nathalie, i suoi manager, vedranno che non sei un principiante.

Indirizzo: C/ Gignàs, 23 – 08002, Barcelona

Via Veneto

Xceed-Barcelona-Restaurant-Via Veneto

Lascia che i dati parlino da soli. Più di 50 anni di storia nella zona alta di Barcellona, dove è nato Carrer Ganduxer. Una stella Michelin. Tre soli dalla Guida Repsol. Terzo miglior ristorante di Barcellona secondo Macarfi. 42 ° miglior ristorante europeo secondo il Daily Meal e il National Gastronomy Award nel 1984, 1994, 2013 e 2019, che mostra coerenza nel suo buon lavoro. Via Veneto era uno dei luoghi preferiti dal grande artista catalano Salvador Dalí (la leggenda narra che arrivò addirittura ad appendere salsicce come collana al collo dei suoi ospiti).

Via Veneto è uno dei più grandi riferimenti gastronomici di Barcellona. La sua proposta culinaria del grande chef David Andrés e il suo servizio e la cura del cliente da parte della famiglia Monje, rendono inevitabili le visite ripetute. Secondo il suo direttore, “Via Veneto racchiude le tecniche più moderne in una visione gastronomica che esalta soprattutto il valore del miglior prodotto”. Gamberi al vapore con vichysoisse di porri e cocco, fricando di parpatana di tonno rosso mediterraneo con parmentier, anatra arrosto nel suo stesso succo “a la presse” … Benvenuti nel paradiso terrestre.

Indirizzo: C/ Ganduxer, 10 – 08021, Barcelona

(Immagine di copertina: © Pablo Merchán Montes via Unsplash)

39

Comments

Altre storie
Milano si prepara all’estate con un Maggio di grandi closing