Sempre più cosmopolita e sempre più estesa (in verticale e in orizzontale) il capoluogo meneghino sta rapidamente scalando anche le posizioni della classifica italiana del clubbing. Ebbene sì, Tenax e Cocoricò, Guendalina e Muretto…c’è un gruppetto mica male che spinge da sotto, è arrivato il momento di guardarsi le spalle!

La storia della notte di Milano sta cambiando volto…ci è voluto un po’ per questo lifting ma da qualche anno ormai la città non “le manda certo a dire”. Basta pensare che fino a qualche tempo fa, per sentire un Top DJ bisognava cercare i voli su Ryanair prima di acquistare il biglietto! Oggi, al contrario, non sembra vero poter pianificare il weekend a base di elettronica e house in città! Allora entriamo nella nostra chart di nuove e vecchie glorie della nightlife milanese e…mettete i tappini che i decibel si alzano!

 

Volt-club-milan

1. Volt – Il nuovissimo progetto nel cuore di Milano

Perché andare: È la realtà più giovane di Milano che prenderà posto, da settembre, nel locale più vecchio della città. Vi piace il binomio? Ebbene sì, già 50 anni fa, quel seminterrato di nome Bang-Bang (poi Divina) proponeva disk jockey. Oggi è stato completamente abbattuto. Raso a zero, demolito. Qui verranno proposti i cocktail più buoni tra i club di Milano. Ci saranno diversi privè sponsorizzati da premium beverage; tra tutti Patron Tequila.

Atmosfera: Proiettato nel futuro. Non ci sarà più nulla del passato, non un solo dj non un solo mattone. Il club, a giudicare dal progetto, vuole entrare subito nella top chart europea. Qualche settimana fa ci hanno svelato i primi nomi (alcuni top secrets) che si aggiudicheranno la nuovissima consolle, il suo sistema L-Acustic Arcs e il light design made in Berlino. Un vero club sotterraneo nel centro di Milano.

Musica: Axel Boman, Barnt, Boo Williams, Dekmantel, Deetron, Locked Groove, Mano Le Tough, Max Cooper, Pional, San Proper, Scuba e Tom Trago sono solo alcuni dei volti per la nuova stagione. A fianco dello storico sabato sera dedicato alle sonorità house, la proposta sarà molto più varia rispetto a prima così da accontentare tutti i gusti. Hip Hop e dance hall per i più giovani universitari, house più ricercata e old school con serate mensili e ancora tanto altro da svelare.

Il nostro consiglio: Entra nella proprietà uno storico imprenditore milanese della moda quindi scegli il capo più cool & hipster dell’armadio!

Prezzi: Info su liste e prevendite qui.

 

wall

2. Wall – La Mecca dell’elettronica (con sapore di Berlino)

Perché andare: Minimal fitting, colori scuri, scalinate in ferro e musica berlinese.

Atmosfera: La luce diffuminata ed il fumo sparato dalle macchine ti faranno pensare di essere in un sogno ad occhi aperti!

Musica: Probabilmente il club più underground di Milano. Da due anni, come rito mistico, aprono la stagione i Soul Clap e la chiudono a fine maggio! Quest’anno per il party di apertura ci sarà Maya Jane Coles e poi subito dopo Adriatique. La novità è il nuovo progetto che legherà il locale a Dj Ralf per tutta la stagione. Il roster dei dj sarà sempre fatto con un occhio di riguardo al cugino spagnolo del DC10 di Ibiza con cui ha ormai instaurato una vera e propria relazione!

Il nostro consiglio: Molti eventi vanno in sold-out, assicurati l’ingresso comprando una prevendita salta-coda in anticipo.

Prezzi: Biglietti da 10€ a 18€ a seconda della serata.

 

take it easy

3. Take it Easy – L’oasi della musica elettronica

Perché andare: Crew nata con un format itinerante diversi anni fa, per molto tempo è stata ospitata con il suo party in loft e club milanesi di tutta la città. Due anni fa il salto, traslocando nel seminterrato di una storica discoteca milanese in Corso Como. Qui, ogni sabato prende forma una vera e propria “festa tra amici”, in un oasi di musica elettronica nel mezzo delle note hits sparate a gran volume dalle numerose discoteche dei dintorni.

Atmosfera: lo dice il nome stesso “prendila alla leggera”. Sii te stesso, non badare all’estetica, concentrati solo sulla musica.

Music: Le più ricercate sonorità elettroniche, i talenti italiani e i più classici DJs internazionali (Dennis Ferrer per uno degli ultimi party della scorsa stagione – provare per credere) si alternano per far ballare ogni sabato centinaia di persone!

Il nostro consiglio: Sii te stesso.

Prezzi:
La app di Xceed offre degli ingressi speciali a metà prezzo per l’ingresso il sabato! Info, liste tickets qui

byblos

4. Byblos – Il locale trendy di Milano

Perché andare: Modelle, Vip, starlette si confondono tra i giovani di Milano e i turisti più nottambuli. Il locale è aperto tutto l’anno con il suo dancefloor e i suoi privè della sala interna e la sua terrazza con le gradinate illuminate per i mesi estivi.

Atmosfera: una spruzzata dal tuo profumo preferito, un ultimo sguardo allo specchio e sei pronto per un Uber! Benvenuto nel locale più posh di Milano.

Musica: Hits e musica house sono padroni. Tranne il martedì dove hip hop e R&B ti trasportano in una dimensione made in USA!

Il nostro consiglio: Vestiti elegante per evitare rimbalzo in porta!

Prezzi: Liste e biglietti disponibili qui. Prova il servizio tavoli per un’esperienza a 5 stelle.

 

q21

5. Q21 – Preparati a tutto

Perché andare: Folle ed inaspettato, questo locale a nord di Milano ospita due serate ogni weekend ma soprattutto Botox, l’unico vero inconfondibile after della domenica mattina!

Atmosfera: Gay friendly e super chic. Anche per la prossima stagione è confermata la serata del venerdi con il tema Uploading Eden, una sorta di paradiso artificiale dove rintanarsi in un mondo parallelo!

Musica: Nella Room 1 l’eclettico dj resident / proprietario del locale Carlo Mognaschi e le sue sonorità techno/house non vi faranno mai venir voglia di andare via anche grazie ai numerosi ospiti tra cui spicca su tutti Otsgut Ton del Panorama Bar di Berlino. La Room 2 invece è il punto d’incontro per gli amanti dell’R&B!

Il nostro consiglio: Lascia la razionalità a casa.

Prezzi: Mettiti in lista o compra un biglietto al prezzo agevolato di 12euro con salta coda qui.

 

6. Amnesia – La piazza della musica house internazionale

Perché andare: cugino dell’omonima discoteca a Ibiza, Amnesia è il club più internazionale di Milano. Le enormi sale che ospitano dj da tutto il mondo e l’impianto luci senza rivali, ti faranno pensare di essere catapultato in qualche altra città del pianeta!

Atmosfera: Non è importante sapere chi sei e da dove vieni, qui è la musica che unisce.

Musica: Non esiste nulla fuorchè elettronica e house. La gamma di dj durante l’anno è così ampia che è impossibile non coprire i gusti di tutti i clubbers della città e i turisti! L’Amnesia ha stretto nel tempo numerose collaborazioni con altre Crew di Milano e ospita spesso after show e after party dalla notte fino alle prime luci dell’alba. Quest’anno infatti aprirà con qualche settimana di anticipo per l’After Show del Social Music City con Ilario Alicante. La stagione poi continuerà con Riccardo Villalobos e Sonja Monear + Janina due settimane dopo!

Il nostro consiglio: Porta i tuoi amici per passare una serata indimenticabile.

Pricing: Le liste variano a seconda della serata. Info qui.

 

7. Just Cavalli – Vivi una notte da vero VIP

Perché andare: I più grandi artisti hip-hop – da Chris Brown a Tinie Tempah passando per Rick Ross e Wiz Khalifa – passano da qui.

Atmosfera: L’unica discoteca di Milano aperta 365 giorni l’anno e con un’ottima frequentazione di persone da tutte le parti del mondo, il Just Cavalli si presenta al pubblico sia nella versione invernale che estiva. La particolarità architettonica sta nella sua conformazione a 360 gradi in quanto la costruzione del club è stata concepita attorno alla Torre Branca del Parco Sempione.

Musica: Dance, hits e hip-hop sono le tre anime del locale che, insieme ai dj resident e agli artisti internazionali hanno contribuito a costruire intorno al brand legato alla moda anche la sua anima più “nightlife”!

Il nostro consiglio: Ambiente chic = uomini lasciate a casa scarpe sportive e pantaloncini corti.

Prezzi: La lista parte dai 20€, i biglietti includono un drink e il salta-coda.

 

alcatraz

8. Alcatraz – Il club più grande di Milano

Perché andare: la discoteca più grande di Milano con oltre 3000mq di superficie ti catapulta in una dimensione spaziale tipica di un festival! Non a caso il locale funge sia da club che da location per concerti durante la settimana!

Atmosfera: Grazie alla sua grandezza Alcatraz rappresenta il locale di incontro degli stranieri nel weekend. Qui, studenti Erasmus da tutto il mondo si incontrano ogni venerdì per un appuntamento fisso che dura da anni!

Musica: Dal pop al rock dalla dance alle hits del momento. La musica è per tutti i gusti!

Il nostro consiglio: Questo posto è enorme. Nascondino alcolico, anybody?

Prezzi: Xceed ha un ingresso agevolato per tutti gli student stranieri Erasmus. Basta registrarsi alla lista!

 

rocket

9. Rocket – Sempre la scelta giusta

Perché andare: Il locale sta subendo un forte restyling per rinfrescare (sempre con vernice nera) l’ambiente dopo molti anni. Aperto dal giovedì al sabato il Rocket unisce sotto ad un unico tetto, sul naviglio di Milano, persone e generi musicali e artistici diversi.

Atmosfera: Lontano da mode e tendenze, questo è il classico posto che esaudisce il desiderio dei dopo cena: “che si fa stasera ragazzi?”

Musica: La Main Room con la sua consolle rialzata su un alto soppalco è il cuore pulsante del Rocket dove si esibiscono dj cittadini molto rinomati per le loro performance anche a livello europeo. Il giovedì per l’elettronica e i suoi techno, il venerdì ci sarà un nuovissimo party tutto “made by girls” e il sabato la residenza ormai storica targata Akeem of Zamunda con i suoni hip-hop e trap e le sue crew filippine e sud americane a rendere la pista una gabbia di matti!

Il nostro consiglio: Cercate la gemma nascosta: la Go!Go! Room.

 

TOM2

10. TOM. – Il locale che non ti aspetti

Perché andare: “Sui Generis”. Unico per il tipo di format. Qui puoi venire per un business lunch, per una cena tra amici o per un brunch la domenica. E poi ebbene sì, udite udite, c’è anche un ingresso sul retro dove accedi al dj-club: Stock at TOM. L’insegna al neon rossa accesa ne indica l’apertura. Se invece sei già entrato dalla porta del ristorante ti basterà varcare la tenda nera che delimita le due sale iniziare a ballare! Particolarità? È la porta a fianco del Volt…ma non c’è pericolo i due sono fratelli dalla nascita e non lo sapevano!

Atmosfera: Al TOM. hai la possibilità di bere un ottimo cocktail rilassato al bancone del ristorante e decidere al secondo sorso che è arrivato il momento di fare due salti in pista fino a tardi!

Musica: La proposta settimanale è tutta improntata alla musica house, nelle sue più disparate branche pop, indie, elettronica e disco. Solo il martedì, un paio di volte al mese va in scena la serata hiphop più alla moda del momento!

Il nostro consiglio: Non spaventatevi se durante le note di un pezzo house vi passa davanti un cameriere con in mano una tartare di tonno…qui è la normalità!

Prezzi: Entrata gratuita in lista (soggetta ad orario e capienza).

Comments